"Il suo nome era Cerutti Gino ma lo chiamavan drago
gli amici al bar del Giambellino dicevan che era un mago"
Giorgio Gaber